Crea sito

Tantra dell’ Anima

Il “Tantra dell’ Anima” è una pratica spirituale che arriva dalla tradizione indù; si attiene fedelmente ai fondamentali elementi e concetti del tantra yoga, yoga tantrico o kundalini yoga quindi del corpo yogico (chakra, nadi); è segnato poi dalla mia esperienza personale diretta di risveglio, guarigione, liberazione, sadhana (realizzazione spirituale) ed è “guidato” dal sentire e dalla Shakty che fluisce in me, Tara. Inizia con la MEDITAZIONE dove, nel RESPIRO COSCIENTE che “educa” la mente al Silenzio e depotenzia l’ attività mentale, si entra in uno stato di abbandono trascendendo piano piano la condizione ordinaria che ci rende disponibili alla SNSORIALITA’. Ciò permette di entrare in CONNESSIONE, nell’ assoluta PRESENZA ed ASCOLTO interiore del proprio Sè. Durante la pratica è fondamentale mantenere la VOLONTA’ e l’ ATTENZIONE al RESPIRO (prana), prenderne COSCIENZA, x permettere l’ ascesa della kundalini attraverso la susumna, il canale centrale assimilato al CUORE, levando ogni controllo, condizionamento, blocco mentale e poter andare OLTRE. Si lavora in PROFONDITA’, a livello sensoriale OLTRE i sensi, toccando le corde dell’ ANIMA, arrivando al CUORE. La veicolazione e l’ ESPANSIONE energetica, generando flusso vibrazionale, permette di SENTIRE e scardinare ansie, tensioni, paure, alleggerire, eliminare, disattivare il corpo di dolore attraverso il processo di trasmutazione dell’ energia negativa in positiva, arrivare dunque allo sblocco emozionale che permette il rilascio fisiologico delle memorie, l’ apertura del CUORE, la LIBERAZIONE dell’ ESSERE, l’ ORGASMO (NUTRIMENTO) dell’ ANIMA. Qui c’ è il salto vibrazionale: il passaggio dal dolore alla Gioia proprio come un parto, la rinascita di se stessi, è la trasformazione alchemica che da accesso ai piani superiori, alla LIBERAZIONE, alla dissoluzione della dualità, alla FUSIONE, all’ UNIONE con l’ Assoluto, all’ ORGASMO Cosmico, al NIRVANA, la FELICITA’SUPREMA, la GRANDE BEATITUDINE (condizione estatica dello spirito). X fare il salto occorre andare OLTRE al noto, al solito, al fastidio, al DOLORE, al “blocco”, alla resistenza, alla “fatica”, alla condizione, alla paura, alla mente. Occorre stare nella resa, nell’ ENERGIA, fluire navigando su tutte le onde emozionali sensoriali che arrivano e lasciarle poi andare. 🙌✡️🔥❤️🌊🕉️😇  
20151013_110846
Ogni trattamento sarà sempre un viaggio emozionale diverso, avrà un percorso che si differenzierà ogni volta in base all’energia, alle sensazioni, alla profondità e al feedback creato. Cambia di volta in volta in quanto non essendo tecnico ma legato allo stato emozionale del momento, al SENTIRE e al feedback continuo tra donatore e ricevente. Sicuramente c’è un minimo di struttura tecnica, ma la sua caratteristica e’ di essere intuitivo e percettivo, un’ASCOLTO empatico di “attenzioni” sensoriali del Tantrista. Il trattamento può essere effettuato seriamente solo da chi ‘è sulla Via del Tantra’: qualcuno cioè che abbia realizzato l’essenza del tantra nella propria vita in modo esperienziale diretto. Non può essere spiegato ma solo vissuto, percepito, compreso ed interiorizzato personalmente. La trasmissione è diretta, è un affiancamento, ‘iniziazione’, che può avvenire solo da chi del tantra ne fa uno stile di vita, persone che abbiamo lavorato su stesse in modo trasversale e sviluppato in sè una certa “pulizia” interiore. 🙂
L’aspetto spirituale del trattamento si esprimere attraverso l’ascolto intimo e silenzioso, la purezza interiore, l’azione che viene dal Cuore (amore incondizionato), la consapevolezza della “Sacralità del corpo” percepito come il tempio dell’ Anima.
Ha una potente connessione con il Cuore e questo deve essere trasmesso a chi riceve. Il tantra e’ la Via del Cuore, cio’ non puo’ mancare altrimenti rimane in superficie ed è altro.
Concludo dicendo che senza dubbio e’ una esperienza ultra sensoriale molto positiva che va vissuta. 😉11017688_628462170617766_4272368761260394044_n